Affitto

Contratto d’affitto: quali costi per i proprietari spettano all’inquilino?

Contratto d’affitto: quali costi per i proprietari spettano all’inquilino?

Molto spesso si sente parlare di contratto d’affitto per studenti universitari e di costi annessi, ma non sempre conosciamo i dettagli. Esistono infatti vari tipi di tassazioni e spese che gravano esclusivamente sui proprietari, altre che invece vengono ripartiti con l’inquilino; purtroppo spesso, in una maniera o nell’altra, ricadono interamente sugli studenti, giovani ed inesperti, che magari pagano senza battere ciglio.

Studiare fuori sede implica infatti il doversi trasferire in un’altra casa, cambiando totalmente abitudini e stile di vita: a volte i ragazzi preferiscono chiudere un occhio, “adagiandosi” a ciò che vuole il proprietario, vuoi per timore di essere cacciati di casa e costretti a doverne trovare un’altra nel più breve tempo possibile, vuoi per l’inesperienza dovuta all’età.

Oggi parliamo proprio di questo, cercando di capire quali sono i costi riguardanti la tassazione che devono essere coperti dal proprietario, e come evitare di doverli pagare al suo posto.

I vari tipi di tassazione

Per quanto riguarda un contratto d’affitto regolare, ci sono vari modi per il proprietario di pagare le tasse, i quali dipendono dal tipo di contratto che si firma, che può essere un contratto per studenti, un contratto transitorio, o un “normale” contratto d’affitto. Per i proprietari spesso conviene pagare le tasse con il regime della cedolare secca (ne abbiamo già parlato in passato sul blog, clicca qui per scoprire cos’è e quali sono i vantaggi), che consente di pagare il 21% di tasse per i contratti a canone libero e del 10% su quelli a canone concordato, anzichè andare di pari passo con l’IRPEF, portando nella stragrande maggioranza dei casi un risparmio tangibile.

Seguici e resta aggiornato sul tema affitti:
- 📱 Le news con la nostra pagina Instagram
- 🤖 Gli annunci in uno dei nostri canali Telegram
- 🤓 Confrontati nelle nostre community Facebook

Ma torniamo all’IRPEF. Quando non è possibile applicare la cedolare secca, il proprietario paga le tasse sull’affitto di pari passo con l’IRPEF, ossia l’imposta dei redditi per le persone fisiche. Questa imposta è progressiva ad aliquote crescenti, divisa in 5 scaglioni calcolati come segue:

1° scaglione: da 0 a 15.000 euro – 23%
2° scaglione: da 15.001 a 28.000 euro – 27%
3° scaglione: da 28.001 a 55.000 euro – 38%
4° scaglione: da 55.001 a 75.000 euro – 41%
5° scaglione: oltre 75.000 euro – 43%

Le aliquote successive alla prima si applicano soltanto sulla parte eccedente. Per fare un esempio, chi ha ottenuto un reddito di 30.000 euro pagherà una imposta così calcolata:

23% su 15.000 euro = 3450 euro
27% su 13.000 euro = 3510 euro
38% su 2.000 euro = 760 euro

La somma da pagare sarà quindi la somma di questi tre importi, ossia 7720 euro.

La differenza tra tassazione d’affitto con cedolare secca o con IRPEF ha a che fare anche con la formazione del reddito: infatti, nel primo caso l’affitto dell’immobile non contribuisce al reddito complessivo.

Per chiudere, ribadiamo ancora una volta che le tasse sull’affitto devono essere pagate dal proprietario, e mai dall’inquilino! Diffidate quindi da chi vi invita a farlo, magari in cambio di uno sconto sul prezzo dell’affitto: oltre ad essere totalmente illegale, quasi sicuramente nello scambio ci perderete voi!

IMU

L’IMU, abbreviazione di Imposta Municipale Unica, è stata introdotta nel 2011 e grava su chi possiede un immobile come una seconda casa, negozi, uffici o una prima casa di lusso e per questo, chi dà un’abitazione in affitto è tenuto a pagarla.

La legge prevede che sia il proprietario a dover pagare l’IMU: l’inquilino non deve pagarla. Diffidate quindi dai proprietari che vi invitano a contribuire con un extra sull’affitto nei mesi di giugno e dicembre, ossia quando viene aperto il pagamento per le due rate della tassa, rispettivamente quella di acconto e quella di saldo.

TASI

Altra possibile stangata per i proprietari di casa riguarda la TASI, ossia la Tassa sui Servizi Indivisibili, che viene pagata ogni anno da chiunque detenga un fabbricato, e pertanto anche da chi decide di darlo in affitto agli studenti universitari. Abbiamo già parlato qui della TASI, ed è emerso che in questo caso, la tassa dev’essere pagata anche dall’inquilino, in un importo compreso tra il 10 e il 30%.

Ma c’è un’importante novità in arrivo dal 2020: da quest’anno la TASI è stata inglobata nell’IMU, e per questo motivo gli inquilini saranno completamente esentati dal suo pagamento. Questo però apre la strada ad un altro scenario scomodo, ossia quello in cui il proprietario di casa non è aggiornato sui cambiamenti della legge (o fa finta di non conoscerli). Non cedete assolutamente, poichè da adesso non dovrete più contribuire al suo pagamento nemmeno in minima parte.

Piaciuto questo articolo?
Ti potrebbe interessare anche:
Studenti fuorisede: come votare
Pubblicato il 16-09-2020 17:52:26
Prenota la tua stanza con Uniaffitti.it
Pubblicato il 22-08-2020 15:56:15
Come trovare la giusta motivazione per studiare
Pubblicato il 05-07-2020 16:56:30

 

x