Affitto

Aumento canone d’affitto: a quali condizioni?

Aumento canone d’affitto: a quali condizioni?

In qualità di affittuario, è importante comprendere le norme e i regolamenti del proprio contratto di locazione. Ciò è particolarmente vero quando si tratta di aumenti del canone d’affitto. Sebbene alcuni contratti diano ai proprietari il diritto di aumentare il canone d’affitto a piacimento, ci sono altre condizioni per cui un proprietario può aumentare l’affitto. Condizioni di cui dovreste essere a conoscenza prima di firmare qualsiasi documento. Vediamo in questo nuovo articolo del blog di Uniaffitti quali sono queste condizioni.

Limiti all’aumento del canone d’affitto

In molti Stati, i proprietari non possono aumentare il canone d’affitto senza averne prima dato comunicazione scritta. Avviso dato dai 30 ai 90 giorni prima dell’entrata in vigore dell’aumento del canone d’affitto. L’avviso scritto deve contenere anche informazioni sul motivo dell’aumento del canone d’affitto e sulla sua entità.

Alcuni contratti d’affitto limitano l’entità dell’aumento annuale del canone d’affitto da parte del locatore. Ad esempio, può essere in grado di aumentare il canone d’affitto solo del 2% o del 3%. Se il locatore tenta di aumentare l’affitto di una cifra superiore a quella stabilita, senza avervi dato prima un preavviso adeguato, potreste avere dei motivi legali per rifiutare l’aumento.

Seguici e resta aggiornato sul tema affitti:
- 📱 Le news con la nostra pagina Instagram
- 🤖 Gli annunci in uno dei nostri canali Telegram
- 🤓 Confrontati nelle nostre community Facebook

Aumento del canone d’affitto dopo il rinnovo del contratto

Un’altra cosa da tenere presente è che se firmate un nuovo contratto di locazione con il vostro locatore, quest’ultimo potrebbe essere in grado di aumentare il canone d’affitto dopo il rinnovo anche se il contratto originale non glielo consentiva. In questo caso, assicuratevi che entrambe le parti firmino un documento scritto che indichi chiaramente quanto e quando il locatore può aumentare il canone d’affitto dopo il rinnovo. In questo modo non si può creare confusione in seguito.

L’aumento del canone d’affitto può essere stressante, ma la comprensione dei vostri diritti può aiutarvi a tranquillizzarvi. Sapere quali sono le condizioni che i locatori devono rispettare quando aumentano gli affitti, come il preavviso scritto e l’osservanza delle leggi statali, può aiutarvi a garantire che qualsiasi modifica apportata sia equa e legittima sia per loro che per voi! Tenete a mente questi punti in modo che, se/quando il vostro locatore tenterà di aumentare il canone d’affitto, saprete esattamente quali sono i passi da compiere!

Piaciuto questo articolo?
Ti potrebbe interessare anche:
Studiare a Roma: le migliori università
Pubblicato il 12-01-2023 11:00:28
Spese di registrazione contratto di locazione
Pubblicato il 11-01-2023 16:25:54
Studiare a Firenze: le migliori università
Pubblicato il 10-01-2023 15:35:48

 

x