Il Palio di Siena: momenti da non perdere

Il primo Bot che ti aiuta a trovare casa: unibot16 !

Vivere il Palio di Siena

  • aprile 13, 2016
  • di Redazione
Share on Facebook24Share on Google+0Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Diceva Federico Fellini parlando del Palio:

“Voi a Siena avete questa cosa preziosa, ed è singolare come nel conflitto delle Contrade vi sia la vostra unione. Tutto il mondo si sfalda e voi siete qui con la vivezza di questi riti e con fedeltà ai secoli. Credo sia l’unico esempio in Italia. C’è una sorta di cordone misterioso fra voi ed i Senesi di tutte le epoche” 

Fellini non fu il primo nè l’ultimo a subire il fascino di questo evento che rappresenta l’anima della città.

Vivere a Siena significa anche cercare di vivere il Palio nel miglior modo possibile: è inutile porsi domande quando le risposte, da secoli, non ci sono. Da quando mettono il tufo in piazza si respira un’affascinante atmosfera di mistero e di eccitazione. La città prende vita. Lo studente che durante tutto l’anno vive Siena si trova di colpo in un’altra realtà: l’atmosfera muta, le facce sono diverse, i contradaioli indossano il fazzoletto che li identifica nella loro contrada, intere generazioni non parlano altro che di cavalli e fantini, e la città si ferma. Il turista, in pochi giorni, non riesce a percepire la nuova identità che la città assume. Lo studente non può farne a meno.

All’improvviso siamo tutti spettatori di un evento magico, folla in piazza del campo durante il palio che vede le sue radici in secoli di storia e il suo futuro nel mantenimento delle proprie tradizioni ad ogni costo. Il presente è dentro al fremito del cuore di ogni contradaiolo nel momento in cui, nel silenzio più assoluto, entrano i 10 cavalli dall’Entrone e vanno verso il canape pronti per partire.

La ragione si perde durante i tre giri di piazza e lascia spazio a grida o a lacrime dopo lo sparo del mortaretto, che indica la fine della corsa. Piano piano la piazza si svuota, e allo spettatore, che deve per forza rispettare i ritmi frenetici e incomprensibili di questo avvenimento, non resta che tacere (mai parlare a sproposito o lasciarsi andare a commenti sarcastici) e osservare i festeggiamenti della contrada che ha vinto il Palio.

Ben presto l’atmosfera gioiosa e di dolce follia avvolgerà anche lui. La sera sarà d’obbligo andare al museo e alla chiesa della contrada vittoriosa per bere vino e partecipare all’esultanza dell’unica vincitrice del Palio, il drappo di stoffa dipinto per cui si piange, si ride e ci si appassiona da secoli e nei secoli a venire.

Per vivere al meglio il palio

Il palio di Siena è una rappresentazione storica iniziata nel 1633, ha dei ritmi diversi da quelli dei nostri giorni, ed è opportuno conoscerli per apprezzare al meglio questo evento. Ecco un approfondimento sui ritmi del palio, i momenti da non perdere.

Conoscere i segreti del Palio di Siena è molto importante, sia per stupire i vostri compagni di “avventura”, che per capirne ogni sfumatura. Ecco alcune curiosità sulla manifestazione più famosa di Siena:

  • Il palio non è una manifestazione turistica: “…È la vita del popolo senese nel tempo e nei diversi suoi aspetti e sentimenti.”
  • A vincere è il cavallo: Chi vince è sempre e comunque il cavallo, che può arrivare al traguardo anche “scosso”, ovvero senza fantino.
  • Il Mossiere non assiste al Palio:  lascia Piazza del Campo e non assiste mai allo svolgimento della Carriera fino alla fine.
  • La Nonna: è la Contrada su cui grava la “Cuffia”, insomma quella che non vince il palio da più tempo.
  • La cena della Vittoria: si svolge tra Settembre ed i primi giorni di Ottobre, vi partecipano i rionali ed ovviamente, il cavallo vincitore.

Queste sono soltanto alcune delle curiosità che abbiamo trovato, vi consigliamo di approfondire con questo articolo tutte le curiosità del Palio di Siena.

Piaciuto questo articolo?