Affitto

Tutte le risorse utili per gli studenti fuori sede: casa, coinquilini, contratto!

Tutte le risorse utili per gli studenti fuori sede: casa, coinquilini, contratto!
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Essere studenti fuori sede comporta una lunga serie di problemi. Non soltanto quelli che riguardano lo studio, ma anche quelli che impediscono di organizzare nel modo migliore la propria vita.

Per questi motivi noi di Uniaffitti abbiamo deciso di creare una sorta di “kit di sopravvivenza” per tutti gli studenti che devono affrontare le sfide quotidiane lontani da casa. Cominciamo!

Cercare Casa

Naturalmente il primo problema da affrontare per gli studenti fuori sede è quello relativo alla casa o comunque una sistemazione dignitosa in grado di fare da punto d’appoggio per dormire, studiare, festeggiare e avere a disposizione tutto il necessario.
Se una piccola minoranza di fortunati può approfittare dell’opportunità offerta dagli alloggi universitari, per gli altri non resta che cercare strade alternative, con il rischio di doversi confrontare con proprietari desiderosi di trarre il massimo di profitto dalla disponibilità di alloggi in zone pregiate come quelle che si stendono intorno alle città universitarie.

A tal proposito ecco i primi consigli: come andare d’accordo con il proprietario di casa.

Chi vuole avere buone possibilità di trovare una sistemazione dignitosa senza dover sborsare un occhio della testa dovrebbe come prima cosa sfruttare una risorsa importante come gli annunci sul web. Per chi arriva da un’altra città la ricerca di una casa cui potersi appoggiare nell’anno universitario può rivelarsi non soltanto difficile, ma anche estenuante. Per abbreviare i tempi non resta quindi che collegarsi alla rete e fare una ricerca in grado di far capire la disponibilità di abitazioni nella città ove si dovranno condurre gli studi. E qui non possiamo che consigliarvi di fare un giro sul nostro sito e di provare l’ultima implementazione: la mappa interattiva, grazie alla quale è possibile sapere se, intorno all’appartamento che sceglierete, sono presenti fermate degli autobus, alimentari ed università; in più è gratuito e rispettoso della privacy grazie al sistema di richiesta di contatto (potrai decidere a chi dare il numero di telefono e/o la mail).

Bonus:

Se la sistemazione è importante, non lo è certo di meno la posizione, anche perché alle lezioni in aula potrebbe aggiungersi un lavoretto per chi non vuole gravare troppo sulla famiglia e in questo caso il tempo trascorso tra le quattro mura si ridurrebbe al minimo. Motivo per il quale è preferibile anteporre la posizione alle caratteristiche dell’abitazione, sempre naturalmente tenendo fisso un limite di dignità sotto il quale non scendere.

Nelle grandi città, come Roma, Milano o Torino, ove gli spazi sono molto più ampi, la cosa ideale è trovare una casa in prossimità di una delle stazioni della metropolitana. Possono andare bene anche zone servite bene dal mezzo pubblico, magari con una stazione ferroviaria nelle vicinanze. Anche la disponibilità di servizi conta non poco, in particolare quelli che possono essere forniti da centri commerciali o supermercati. Non va peraltro dimenticato che la facoltà deve poter essere raggiunta con facilità, per cui anche strade poco trafficate possono rivelarsi ideali, pure se non vicinissime all’università.

Prima di qualsiasi scelta date un occhio ben attento alle guide, per il momento sono cinque, ma aumenteranno a breve:

Coinquilini

Trovato il vostro luogo di studio ideale, non dimenticatevi che dovrete imparare a convivere con dei coinquilini, amici o sconosciuti che siano in casa ci sono le regole!

Non vi piace il vostro coinquilino? Vi aiutiamo anche su questo:

Contratto

Altro aspetto importante per lo studente fuori sede è rappresentato dal contratto. Se qualche anno fa il mercato degli affitti era una giungla, negli ultimi tempi le cose, fortunatamente, oggi sono cambiate. Lasciamo la parola alle nostre guide:

Spese e bollette

Una valutazione che va fatta con estrema attenzione è quella relativa alla spesa da affrontare. In questo senso va conteggiato non solo il canone di affitto, ma anche le spese che occorre fronteggiare, a partire dalla caparra. Informazione molto importante in tal senso è quella riguardante le spese di condominio, ovvero se siano o meno comprese nella richiesta della controparte. Nel caso negativo occorre sincerarsi della loro reale entità, facendosi mostrare una ricevuta rilasciata dall’amministratore. Altra voce che può influire notevolmente, soprattutto in un paese ove le tariffe sono salate come l’Italia è quella relativa al riscaldamento: autonomo o centralizzato? Stesso discorso per ogni altra utenza e in tutti i casi occorre appurare la reale entità del peso finanziario da sostenere facendosi rilasciare le bollette dal proprietario, in modo da evitare sgradite sorprese una volta firmato il contratto di affitto.

Va peraltro ricordato che nel caso si intenda procedere a portarsi dietro qualche cosa che può servire, ad esempio una scrivania e una piccola libreria, si può procedere all’ingaggio di una ditta specializzata nei trasporti per studenti, magari ricorrendo a uno dei siti che propongono il rilascio di preventivi da parte delle aziende.

Una volta risolti i problemi di ampia portata, come quelli relativi a casa, coinquilino e contratto, non resterà che iniziare ad organizzare al meglio il proprio tempo e godersi la vita universitaria!

Piaciuto questo articolo?
x