Affitto

Cambiare casa prima della scadenza del contratto: cosa fare

Cambiare casa prima della scadenza del contratto: cosa fare
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Hai necessità di spostarti perché hai cambiato corso di studi o semplicemente hai scoperto che vivi con dei veri CDM (sappiamo che sai cosa significa!) che rendono la tua vita più angosciante di un esame?

Se hai provato di tutto ma niente ha funzionato, è arrivato il momento di scappare da quella casa. Ma come si fa a cambiare casa prima della scadenza del contratto di affitto? Ecco un breve riepilogo:

Come disdire un contratto di affitto prima della scadenza

Quando è troppo è troppo: certe volte non è proprio possibile resistere in certe circostanze e con certe persone fino alla scadenza del contratto.
Per fuggire verso situazioni meno infelici dobbiamo procedere attentamente e recedere dal contratto di affitto prima della scadenza.

Come abbiamo già approfondito nell’articolo su come procedere alla disdetta del contratto d’affitto prima della scadenza, la prima cosa da fare per disdire un contratto di affitto è conoscere le proprie tempistiche di preavviso, che troverai nel documento del tuo contratto di affitto; generalmente per un regolare contratto 4+4 si richiedono ben 6 mesi di preavviso al proprietario di casa ma talvolta esiste una clausola (da richiedere al momento iniziale della firma del contratto) che può ridurlo a soli 3 mesi.

Una volta appurato di quanti mesi di preavviso necessiti, è importante avvisare delle tue intenzioni e motivazioni il proprietario di casa quanto prima, sia in maniera informale che, subito dopo, ufficiale.
Per ufficializzare il tuo preavviso ti basterà inviare una lettera raccomandata con ricevuta di ritorno al tuo proprietario di casa, dove metti nero su bianco le tue intenzioni e le tue motivazioni (che per legge devono essere “gravi” o per lo meno tangibili).

Il giorno in cui ti recherai all’ufficio postale per inviare la raccomandata corrisponderà al giorno in cui inizierà il tuo “countdown” verso la libertà, ovvero l’inizio del tuo preavviso.
Mantenere un buon rapporto con il proprietario è un elemento fondamentale di tutto il processo di disdetta del contratto ma lo diventa soprattutto ora che, per legge, devi ovviamente continuare a pagare l’affitto della stanza per i suddetti 6 o 3 mesi.

Solo grazie ad un buon dialogo puoi infatti convincere il proprietario a far subentrare da subito un nuovo coinquilino che ti sarai preso la responsabilità di cercare tu stesso e che può abitare immediatamente la tua stanza, pagando quei mesi al posto tuo.
Non scordarti inoltre che il proprietario deve rimettere nelle tue mani la caparra che tu hai pagato al momento del subentro e che lui può avvalersi di questo deposito cauzionale per riparare eventuali danni presenti nella tua stanza o nel resto della casa, se lo ritiene necessario; ecco perché anche in questo caso un dialogo cordiale è sempre fondamentale.

Subentro in contratto di affitto: costi e modalità

Ora che hai lasciato l’inferno alle spalle, è arrivato il momento di cercare attentamente una nuova sistemazione.
Per non rischiare di trovarti nuovamente in una situazione di convivenza sgradevole ricorda sempre le dieci domande da fare quando visiti un appartamento e ovviamente sii preparato su modalità e costi di un subentro.
Per supportarti in questi passaggi burocratici finali che ti separano da una migliore vita da fuorisede, leggi il nostro dettagliato vademecum per affrontare il subentro in un contratto di affitto per studenti e non dimenticare questi punti fondamentali:

  • Leggi attentamente il contratto di affitto (controlla che la sopra citata clausola del preavviso breve sia presente).
  • Compila il Modello F24 Elide entro 30 giorni dal tuo subentro, per un costo di 67€.
  • Non sottovalutare l’importanza di una scrittura privata tra coinquilini per stabilire a tutti gli effetti data e modalità del tuo subentro, validandola con una marca da bollo del valore di 2€.

Adesso che hai tutti gli strumenti necessari per cambiare al più presto la tua sistemazione non ci resta che augurarti buona fortuna!

Piaciuto questo articolo?
x