Affitto

L’affitto per brevi periodi: dove e come cercare

L’affitto per brevi periodi: dove e come cercare
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Cercare un appartamento o una camera in affitto è un’attività che richiede qualche settimana di tempo e, per quanto la visualizzazione di foto e le accurate descrizioni messe a disposizione da siti come uniaffitti.it forniscano un buon punto di partenza, la presenza in loco resta fondamentale, anche solo per visitare di persona una ristretta cerchia di camere ed appartamenti interessanti.

In mancanza di ospitalità da parte di qualche amico o parente nella città in cui ci si sta per trasferire, se non si vuole ricorrere al soggiorno in albergo, spesso costoso, esistono fondamentalmente due alternative: l’affitto di una camera per un breve periodo o l’alloggio nelle foresterie universitarie.

uniaffitti.it prevede la possibilità di ricercare camere o appartamenti in affitto per brevi periodi, per definizione alloggi che possono essere affittati per un periodo di tempo inferiore al mese. Per poter ricercare un alloggio di questo tipo è sufficiente selezionare il filtro “Brevi periodi” all’interno del menù “Foto e brevi periodi”, nella pagina di ricerca: una volta selezionato, verranno mostrate le camere singole, doppie e gli appartamenti che sono disponibili anche per settimane o per singoli giorni.

Affitto per brevi periodi

E’ sufficiente poi procedere normalmente, inviando un messaggio all’inserzionista attraverso la funzione “Invia messaggio” o richiedendo i suoi contatti diretti con “Richiedi contatti”.

Altra soluzione sono le foresterie universitarie, locali di proprietà o in gestione ad Università e associazioni connesse, adibiti ad alloggio – tipicamente per studenti iscritti agli Atenei o loro parenti – per periodi di qualche giorno, spesso posti letto in residenze universitarie che non sono stati assegnati o che sono momentaneamente liberi.

Tipicamente il servizio di foresteria in residenza universitaria è destinato a studenti, docenti e ricercatori iscritti agli atenei, ma anche a genitori e parenti degli studenti assegnatari dei posti letto; alcune Università scelgono poi di allargare l’ospitalità anche in occasione di convegni e congressi.

Le foresterie universitarie sono suddivise in categorie secondo parametri che tengono conto di dimensioni alloggio, distanza dal centro città, vetustà struttura e arredi, servizi presenti nelle residenze o nelle immediate vicinanze. Ad ogni categoria corrispondono differenti tariffe, che variano poi anche a seconda del soggetto che richiede ospitalità (i docenti pagano di più, gli studenti e i loro parenti di meno): per una camera singola, uno studente può aspettarsi prezzi che variano dai 15 € ai 30 €/notte, a seconda appunto della categoria assegnata alla residenza.

L’associazione DSU Toscana (http://www.dsu.toscana.it) si occupa fra le altre cose della gestione delle residenze e delle foresterie universitarie per i poli di Firenze, Siena e Pisa: sul loro sito è possibile trovare maggiori informazioni a riguardo. Al link di seguito, invece, un approfondimento sugli affitti a Siena per brevi periodi.

Immagine di copertina: Flickr, Universita Catholica, 1yen – modificata

Piaciuto questo articolo?
x