Affitto

Affitto per brevi periodi: contratto e modalità

Affitto per brevi periodi: contratto e modalità
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Un appartamento o una stanza in affitto per brevi periodi? E’ un’esigenza piuttosto comune ed esistono differenti tipologie di contratto per regolamentare l’accordo fra le due parti.

Se cerchi un affitto per periodi brevi, abbiamo parlato in precedenza di come ottimizzare la propria ricerca (qua, ad esempio), ci dedicheremo adesso alla parte normativa, partendo dalle basi: da parte sia di affittuario che di inquilino è bene sapere che la legge prevede che ogni forma di ospitalità retribuita debba essere regolata per legge e che sia necessario registrare ogni ospite pagante, anche se solo per pochi giorni. Gli affitti che durano meno di diciotto mesi vengono considerati di breve periodo e possono essere regolamentati con formule diverse rispetto al contratto di locazione standard.

Gli affitti brevi sono infatti sottratti alla nota legge sulle locazioni 431/1998 e prevedono una certa flessibilità nella definizione di obblighi, doveri e condizioni di pagamento, che sono a maggiore discrezione delle parti che sottoscrivono il contratto. Particolare importanza assumono in questo caso le motivazioni del soggiorno, siano esse per svago o ricerca, per motivi didattici o di salute, per interessi spirituali o materiali. In base a ognuno di questi, possono essere previste delle regole specifiche. Concentriamoci sui casi più comune di affitto breve: quello per motivi turistici e per motivi transitori (lavoro o studio).

Affitti brevi di natura turistica

Sono due i modelli principali di contratto breve per inquilini in visita di piacere e affittuari che non esercitano a livello professionali l’attività di affittacamere: il contratto week-end, di solito utilizzato per affitti di pochi giorni, e il contratto casa vacanze, per periodi di soggiorno inferiori a trenta giorni. Nel contratto, oltre alla durata della locazione e all’entità del canone, vanno immesse tutte le dovute specifiche, in particolare quelle che riguardano eventuali spese accessorie e deposito cauzionale. Nessuno di questi due tipi di contratto prevede obblighi particolari di bolli o imposte, a meno che chi affitta non lo eserciti come attività professionale.

Affitti brevi di natura transitoria

Per i soggiorni superiori a trenta giorni è prevista invece la formula dell’affitto breve non turistico ed è necessario stipulare (e registrare con tanto di bollo e raccomandata) un vero e proprio contratto, detto anche contratto di locazione temporaneo o contratto transitorio. Anche in questo caso locatario e affittuario concordano in modo autonomo (tranne nelle città ad alta tensione abitativa, dove vige un canone concordato) l’importo dell’affitto e del deposito cauzionale. L’affittuario ha l’obbligo di dichiarare, oltre alla ragione della locazione, anche la presenza della persona in affitto all’autorità locale. Come per i contratti standard, anche i contratti transitori consentono l’utilizzo della cedolare secca, tassazione a regime agevolato.

Attenti alla specifica: sapere chi entra in casa e perché è importante per più ragioni, non strettamente legate al rapporto fra padrone e inquilino. Da parte dell’inquilino, è bene ricordare che il subaffitto, di norma, è vietato, ma niente toglie di poter concordare col proprietario la presenza di un sostituto temporaneo (anche se si resta sempre i diretti responsabili in caso di problemi). Da parte dell’affittuario, invece, in caso di mancata specificazione dell’esigenza temporanea, il contratto transitorio non è considerato valido ed è soggetto alla disciplina standard dei contratti a canone libero (4 anni + 4 anni). Stesso risultato se si vuole rinnovare un contratto con qualcuno con cui si è già firmato un contratto transitorio: il rinnovo rientra automaticamente nella tipologia di un contratto standard.

Pensate quindi ogni volta la formula più adatta in base alle motivazioni e al vostro stile di vita: nomadi o stanziali, cani pastore o uccelli di bosco, esistono non solo spazi, ma anche tempi diversi per ogni tipo di casa.

 

Piaciuto questo articolo?
x