Le detrazioni delle spese d'affitto nel 730
Le detrazioni dell’affitto nel 730

Affittare casa con facebook e twitter

Affitti a Torino: zone e quartieri

  • maggio 26, 2015
  • di Redazione
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

A prima vista Torino può dare l’impressione di città austera, gli stereotipi ce la presentano come città grigia, industriale, laboriosa sì, ma triste e anche poco accogliente.
Non è così, non lo è più e forse non lo è mai stata. Non staremo qui a parlare dei monumenti, dei palazzi e del lungo Po che ricordano un po’ Parigi. Degli ampi spazi verdi e della splendida collina. Della riqualificazione dei quartieri dormitorio. Del suo scoprirsi multietnica e della movida che invade vie e piazze. Delle luci d’autore o delle mostre che fanno scalpore. Delle ex fabbriche che si trasformano in spazi espositivi e di tutto ciò che la città, gli abitanti e le amministrazioni hanno saputo fare in questi decenni per trasformarla e farla diventare una città all’altezza dell’Europa. Sicuramente si è scrollata di dosso l’appellativo di provinciale, i suoi poli universitari sono centri di ricerca e formazione assolutamente all’avanguardia e, cosa degna di nota, ha finalmente visto la costruzione della linea della metropolitana.

Per un giovane studente che voglia trasferirsi a Torino per studiare, è utile sapere dove sono dislocate le varie facoltà, quali zone siano più convenienti, quali più vivaci e divertenti, in altre parole dove è meglio vivere a Torino. Trovare un appartamento in affitto a Torino non è difficile, l’offerta è piuttosto ampia, i prezzi sono accessibili, ovviamente diversificati in base alle zone. Ma anche se si sceglie una casa più lontana rispetto alla facoltà di riferimento, per risparmiare, è bene sapere che il servizio pubblico di tram e pulman recentemente potenziato, costituisce una rete puntuale ed efficiente. E la metropolitana ha velocizzato di molto i collegamenti. La riconversione in Campus universitari delle strutture delle Olimpiadi dovrebbe ulteriormente migliorare la disponibilità di alloggi.

Vediamo dunque brevemente la disposizione delle principali facoltà e le peculiarità dei singoli quartieri.

Mirafiori Nord

Il Politecnico, rinomato, prestigioso e ormai internazionale si trova in Corso Duca degli Abruzzi dove si svolgono le lezioni di Ingegneria. Il quartiere ė Mirafiori Nord. È un quartiere residenziale, alla periferia nord- ovest, con notevoli aree verdi, relativa facilità di parcheggio, immobili di edilizia popolare. I prezzi degli affitti risultano decisamente convenienti rispetto ad altre zone della città.

Lingotto

La facoltà di Odontoiatria ha trovato spazio presso la Dental School, situata nelle ex officine del Lingotto, per intenderci dove ogni anno si svolge il Salone del Libro. Nello stesso quartiere ha sede la facoltà di Economia. Il Lingotto è stata una delle zone che ha usufruito dei maggiori interventi attuati per le Olimpiadi del 2006. La maggior parte dei negozi e delle attività si trovano verso piazza Galimberti e via Tunisi.

San Salvario

La facoltà di Architettura è staccata, si trova al Valentino nel quartiere di San Salvario. Una zona dalla doppia anima, dove zone di pregio con edifici signorili confinano con edifici degradati. Degradazione e problemi di emarginazione ne hanno fatto negli anni novanta una zona poco appetibile, per fortuna interventi mirati e costruttivi hanno riportato sicurezza e decoro in una delle zone più caratteristiche di Torino, si è anche innalzata la spesa media che ovviamente va differenziata per tipologia di edifici.

Nizza Millefonti

Per gli studenti in Medicina e Farmacia, la zona di riferimento è quella degli ospedali (Molinette, CTO e Sant’Anna) che si trovano nel quartiere Nizza Millefonti, confinante con San Salvario, infatti le aule sono dislocate in corso Massimo d’Azeglio, nella zona di Torino Esposizioni e nel cuore di San Salvario. Stessa zona di riferimento per gli studenti di MFN (matematica, fisica, scienze naturali), con segreteria e qualche aula anche in Via Accademia.
Nel quartiere di Nizza Millefonti risiedono molti studenti; infatti di recente costruzione, nuovissime e moderne in corso Nizza sono le aule di Biotecnologia. La zona multietnica e vivace, caratterizzata dalla presenza delle classiche case a ringhiera, è sede di numerosi edifici costruiti in occasione del centenario dell’unità d’Italia del 1961. Numerose anche le costruzioni realizzate in occasione delle Olimpiadi. Tutto ciò ha portato a una rivalutazione delle quotazioni immobiliari, che rimangono comunque piuttosto basse.

Vanchiglia

Palazzo Nuovo è la sede delle Facoltà umanistiche, in pieno centro. Ma poichè i prezzi in questa zona sono decisamente alti, gli studenti si dislocano verso il vicino quartiere Vanchiglia; storicamento uno dei più popolari pur essendo vicino al centro, sicuramente meno esoso, ma che ha zone suggestive: quelle affacciate sulle rive del Po. Sono sorti negli ultimo decenni nuovi edifici e la zona si è trasformata in zona residenziale e commerciale.
Poco oltre, in corso Regina presso la Palazzina Einaudi è stata recentemente spostata la facolta di Giurispudenza.

Quadrilatero romano, Murazzi e le altre zone

Per quanto riguarda il divertimento, la zona della movida, colorata e divertente, è sicuramente quella dei Murazzi: i caratteristici locali che si affacciano lungo il Po e che vengono periodicamente chiusi nei periodi di piena del fiume. Naturalmente anche il centro da Piazza Vittorio (uno dei salotti per l’happy hour) a Piazza Castello passando per Via Po, è sede di numerosi locali.
Altre zone considerate molto vivaci sono il Quadrilatero romano e il Parco del Valentino, ideali per aperitivi, cene e after dinner, e discoteche.
Una città dove è piacevole vivere, facile divertirsi, ricca di eventi culturali. Sicuramente da scoprire,diversa da come può apparire a un visitatore distratto.

Piaciuto questo articolo?