Affitti a Brescia: zone e quartieri dove vivere

Studenti fuorisede: il decalogo del risparmio energetico

Affitti a Catania: quartieri e migliori zone per cercare casa in affitto

  • febbraio 22, 2017
  • di Redazione
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

“Nell’incursione oscura, il timbro di una corda, i fuochi e le melodie a Catania… Nei giorni di lutto si amano più teneramente, le canzoni risuonano con più dolcezza. E maestosamente solitario il cono dell’Etna contro il cielo stellato, dove si va dileguando la pallida leggermente rosea corona”.

Scrisse così di Catania Ivan Bunin, in “Poesie e racconti” del 1907. E non è cambiato molto, se non che la città negli anni ha aumentato la sua offerta turistica. Catania è una città fra le più note della Sicilia, si trova sulla costa ovest dell’isola e si affaccia sul Mar Ionio.

E’ famosa per ospitare l’Etna, il più grande e più attivo vulcano d’Europa, che nel 1693 distrusse la città con terremoti e colate laviche. La città vanta una bellezza unica, mix d’oriente e occidente con edifici barocchi costruiti dopo l’eruzione.

Meta ideale per chi cerca un luogo ameno dove trascorrere le vacanze, è una meta turistica gettonata dagli stranieri, ed ospita anche numerosi studenti universitari: Catania vanta infatti la prima università siciliana, risalente al lontano 1434.

La città etnea ha prezzi piuttosto contenuti per quanto riguarda le case sia da affittare che comprare; le zone periferiche sono più accessibili, mentre il centro ha prezzi più alti. Anche il costo della vita in generale è più basso rispetto al Nord e al Centro Italia, e tra le altre cose è possibile risparmiare sulla spesa perchè vanta un cibo da strada davvero delizioso. Ecco una breve guida ai principali quartieri di Catania, ideale per chi cerca un appartamento o una stanza in affitto a Catania:

Centro storico

Chi sceglie Catania per abitarci può comprare o affittare casa nel centro storico, di una bellezza indimenticabile. Nella centralissima piazza Università si trova la sede dell’Università degli studi di Catania (qui è ubicata anche la Biblioteca regionale universitaria), proprio nei pressi del salotto buono della città, ossia la Via Etnea, che parte dal Duomo, oltrepassa l’Anfiteatro Romano e fiancheggiando il Giardino Bellini arriva sino a Parco Gioeni. La zona è ideale anche per i giovani che in cerca di vita notturna, che si svolge nelle zone circostanti la Piazza Vincenzo Bellini, sulla quale si affaccia il Teatro Massimo. L’adiacente Via del Teatro Massimo la sera si anima grazie ai numerosi bar, ristoranti e locali notturni dove tirar tardi.

Plaia

La zona della Plaia è il lungomare a sud di Catania, ubicato tra il porto e il confine con la provincia di Siracusa. Affittare casa qui è l’ideale per chi ama il mare e trascorrere le ore libere in spiaggia. Qui sorgono diversi stabilimenti balneari, spiagge libere e diversi servizi per la villeggiatura, come hotel, ristoranti, discoteche e acqua park. Naturalmente ci sono anche alcuni svantaggi: tanto per cominciare durante i weekend di bella stagione la zona è presa d’assalto dai catanesi e diviene molto affollata, e poi è lontana dal centro e dall’università: chi non possiede un’auto dovrà fare affidamento soltanto sui mezzi pubblici.

Cibali

Il quartiere Cibali, dove sorge lo stadio della città, si trova alla periferia nord-ovest di Catania, è una zona piuttosto trafficata, ma è il quartiere più antico di Catania. Attorno a piazza Bonadies e piazza Spedini si trova il cuore del quartiere, e affittare casa qui significa respirare l’autentica aria della città. Percorrendo la via Cifali si raggiunge il centro di Catania, a piedi o facendo affidamento sui mezzi pubblici. I prezzi in questa zona sono decisamente più bassi rispetto al centro, ma lo svantaggio è che dopo un’intensa giornata di studio, per divertirsi occorre andare in centro: la zona non è certo rinomata per la sua nightlife.

Picanello

Picanello si trova a nord est di Catania e nacque nel 19° secolo, dopo l’espansione della città a seguito della grossa crescita demografica che sperimentò in quel periodo. E’ delimitato dai viali Marco Polo e Ulisse, il viale Vittorio Veneto e via Leopardi. In origine zona di villeggiatura per le famiglie catanesi più ricche, negli anni ’50 e ’60 del secolo scorso visse un vero e proprio boom edilizio. Oggi resta una delle zone prestigiose di Catania, con le zone di Corso Italia e Piazza Europa molto frequentate. Prendere casa in affitto a Picanello è un’ottima soluzione per chi cerca un bel quartiere dove vivere, non troppo lontano dal centro.

Borgo Sanzio

Borgo Sanzio è una zona che da sola conta oltre 50.000 abitanti, in gran parte piccolo-medio borghesi. Si suddivide a sua volta in tre quartieri: Borgo, Tribunali e Sanzio, questi ultimi due più agiati e ben tenuti. La piazza Vittorio Emanuele, nota anche come Piazza Umberto, è il fulcro della vita diurna e notturna del quartiere, presa letteralmente d’assalto dai giovani nelle ore serali. Vi sono anche scuole, parchi e uffici, segno di un quartiere vivo e vegeto, una buona scelta per chi vuole prendere casa in affitto a Catania senza sottostare alla frenesia del centro storico.

Ognina

Ognina si trova a nord del comune di Catania, comprende i quartieri di Barriera del Bosco, Canalicchio, Villaggio Cardinale Dusmet, Picanello, San Giovanni li Cuti e Guardia ed è adagiato sul lungomare, con una passeggiata, una scogliera in roccia lavica e diverse zone balneari. Il quartiere è ben servito dall’azienda municipale dei trasporti e raggiungerlo dal centro è semplice: affittare casa a Ognina frequentando l’università consente quindi di seguire i corsi senza fatica, e al contempo godersi la vita di mare, per sentirsi sempre un po’ in vacanza.

I quartieri periferici

Le zone periferiche di Catania hanno prezzi ulteriormente più bassi. I quartieri tuttavia offrono i servizi necessari per avere tutte le comodità, dai supermercati ai negozi. Per spendere ancora meno si può valutare l’idea di affittare una casa nella provincia anziché nella città stessa, mettendo in conto naturalmente di trascorrere più tempo sui mezzi pubblici per raggiungere l’università.

Piaciuto questo articolo?