Affittare casa con facebook e twitter

I migliori mercatini di Natale a Firenze e dintorni

Affitti a Bologna: zone e quartieri

  • dicembre 05, 2015
  • di Redazione
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Bellissima città dell’Emilia Romagna: Bologna, denominata per le sue caratteristiche in svariati modi.
“La rossa” per i riflessi dei mattoni di terracotta; “la grassa” grazie alla sua ghiotta cucina; “turrita” per le 180 torri che vi si innalzavano ed, infine, “la dotta” perché possiede la più antica Università dell’Europa occidentale.Questa fantastica cittadina ha vissuto, nel secolo scorso, lo spostamento di una buona parte dei suoi residenti nell’hinterland, che oggi conta una popolazione di circa 300 mila abitanti, equiparabile a quella che vive nel centro.

Bologna è meta di molti turisti, specialmente di numerosissimi studenti che desiderano affollare le sue sedi universitarie per completare ed approfondire la propria preparazione accademica. Trovare casa in affitto Bologna è facile, grazie alla ricca offerta ed all’ambiente giovane e dinamico. Anche le bacheche universitarie sono colme di annunci. Abbiamo creato questo articolo, per farvi scegliere al meglio dove vivere a Bologna!

Ma se non si è del luogo o delle vicinanze, dove sarebbe più opportuno cercare un alloggio in affitto a Bologna?

I risultati ottenuti dopo aver visionato e verificato l’efficienza dei sistemi di trasporto di massa, la densità di supermercati e dei punti di ristoro, la vicinanza alle diverse sedi degli atenei, ospedali e quanto altro hanno permesso di individuare 6 zone principali dove cercare la propria stanza in affitto:

Centro storico;
Quartiere Mazzini – Murri;
Massarenti – Sant’Orsola – Megoli;
Borgata San Donato – Fiera;
Rione Toscana – Savena ;
Sobborgo Costa – Saragozza.

ll centro storico

Contenuto ma molto attivo perché rappresenta il cuore della città con i suoi palazzi nobiliari ed istituzionali dalla strabiliante bellezza architettonica ed artistica, i fantastici portici (uno dei tanti simboli di Bologna) e la secolare presenza dell’Università.

Il centro storico è affascinante, sotto tutti i punti di vista.

Reso pedonale per abbassare i tassi di inquinamento acustico ed atmosferico, si districa in vicoli, vicoletti e piazze incantevoli sulle quali si affacciano bellissimi palazzi signorili, innalzati sui portici.

La maestosità di questi edifici, nonostante tutto, si vede e si sente, grazie alle ricchezze architettoniche che li caratterizzano, alla loro ubicazione e alla presenza al loro interno di un angolo privato di verde dove potersi riposare dal “caos” cittadino.

Naturalmente, affittare una stanza in questa zona ha il suo prezzo!

Ma nel centro non si trovano solo costruzioni appartenenti al vecchio mondo aristocratico.

Le viuzze più buie, infatti, sono colme di palazzi più semplici ed umili, quelli dove, una volta, alloggiava il popolo.

Si, proprio così, la tendenza, anticamente, era quella di costruire edifici importanti in luoghi di interesse e ben illuminati e quelli popolari nelle stradine più oscure del centro storico.

Risultato? Gli alloggi contemporanei offerti in questi ultimi palazzi offrono affitti a prezzi più economici.

L’esistenza millenaria dell’Università, in questo punto della città, ha favorito sia la presenza di numerosi studenti, ma anche la nascita di luoghi di ristoro, bar, pub e locali alla moda in grado di soddisfare le esigenze di tutti i giovani (specialmente) che qui risiedono.

Ma se da un lato questo aspetto potrebbe essere considerato molto interessante, non lo è per molti cittadini che osservano un costante degrado urbano causato dalla vita notturna ed un innalzamento dei tassi d’inquinamento acustico.

E se decidete di trasferirvi in questo angolo di Bologna non potete non visitare il bellissimo mercato de “La Piazzola”, ospitato nell’unica zona verde di questo quartiere: il parco della Montagnola.

Il rione Mazzini – Murri

Si tratta di uno dei quartieri più rinomati della città, caratterizzato da quelli che possono essere considerati i polmoni verdi di Bologna: il parco della “Lunetta Gamberini” ed il parco dei “Giardini Margherita”.

Data la sua interessante ubicazione, a diretto contatto con il centro storico, raggiungibile a piedi e collegato da trasporti pubblici, quali autobus e dalla recente suburbana metropolitana, ancora in via di ultimazione, questo rione attrae molti studenti universitari in cerca di una stanza in affitto.

L’eleganza e la distribuzione abitativa di questa borgata è famosa e a renderla ancora più spettacolare è la presenza di edifici appartenenti a diverse epoche.

Si va dalle affascinanti ville liberty degli anni ’20 e ’30, ad edifici realizzati negli anni ’60 ed ’80 (con quotazioni più economiche), fino alle costruzioni ultimate tra gli anni ’30 e ’60 e ai bellissimi e costosi edifici signorili presenti nella zona collinare.

Proprio quest’ultima è considerata, insieme alle recenti costruzioni che si trovano in questo borgo, la zona del quartiere più costosa, sia per l’ubicazione che occupa, sia per il pregio dei suoi edifici.

Le più significative aree commerciali, così come la presenza di studi professionali, si localizzano nelle vie principali di accesso ed in quelle maggiormente trafficate.

Il quartiere Massarenti – Sant’Orsola – Megoli

Rione importante di Bologna, in quanto è la sede del rinomato polo ospedaliero Sant’Orsola – Malpighi, grazie al quale, quotidianamente, si può osservare un andirivieni di migliaia di persone.

Questa zona della città, relativamente vicina al centro di Bologna, basti solo pensare che quest’ultimo è situato a poco più di 1 km da questa borgata, offre numerose soluzioni sotto il punto di vista dagli affitti, così come parecchie aree verdi, molto ben curate.

Le principali attività commerciali si distribuiscono su via Massarenti, mentre sono quasi inesistenti in un’altra delle aree di questo quartiere: la Cirenaica.

Interessantissimo, in particolare, l’aspetto architettonico degli edifici di quest’ultimo semi-borgo, composto da piccole palazzine che si affacciano ad un giardino sul retro e da un seminterrato trasformato in taverna.

La zona Cirenaica, infatti, nacque durante il periodo del fascismo, negli anni ’20, ma in seguito la sua importanza iniziò a declinare, risultando in un degrado urbano considerevole.

La sua rinascita la si è osservata, in particolare, da qualche anno a questa parte, quando la popolazione nuova e vecchia ha dimostrato un forte interesse nei confronti dei suoi edifici che sono ulteriormente valorizzati dai piccoli angoli di verde.

La borgata San Donato – Fiera

A breve distanza dal centro si trova anche il quartiere San Donato – Fiera, famoso, soprattutto, per il polo fieristico, costruito negli anni ’70 con l’aiuto di noti urbanisti.

Per questa sua ubicazione ed i notevoli collegamenti con i mezzi pubblici, anche questa zona è considerata meta apprezzata dagli studenti che possono raggiungere facilmente l’Università e che trovano, qui, affitti molto più competitivi, soprattutto man mano che ci si allontana dal centro.

Il rione San Donato – Fiera, si “distacca” un po’ dal resto della città, per quanto concerne le costruzioni immobiliari, per lo meno, a causa dei numerosi interventi di carattere urbanistico che sono stati effettuati sul suo territorio all’inizio del secolo scorso.

Quest’area aveva un aspetto molto rurale, ragion per cui l’amministrazione comunale decise di intervenire con opere di edilizia pubblica, con il fine ultimo di rimuovere il sottosviluppo demografico che vi si evidenziava.

Oggi, questa interessante borgata si caratterizza per la varietà dei suoi edifici e delle funzioni ad essa destinata.

Vi si trovano sia zone residenziali che centri finanziari (quali la Fiera ed il mercato ortofrutticolo), sia zone commerciali che terreni destinati, ancora, alla coltivazione, così come numerosi svincoli ferroviari e la principale via di transito commerciale di Bologna: per l’appunto via San Donato!

Molto importante l’opera di recupero di parchi e giardini in atto da qualche anno a questa parte.

Il rione Toscana – Savena

Denominato in questo modo per la presenza della zona pedecollinare Toscana e dello scorrere del fiume Savena.

Questo rione di Bologna si contraddistingue per l’elevata presenza di parchi e giardini sia pubblici che condominiali e dall’esistenza di numerosi servizi al cittadino e scuole.

Basti solo pensare alla bonifica che ha interessato, recentemente, le sponde del fiume Savena e che ha permesso di inaugurare un grande parco dove abbonda flora e fauna di origine, principalmente, fluviale.

Anche da questo quartiere si può raggiungere, in pochi minuti, il centro della città, grazie ad un fitta rete di mezzi di comunicazione pubblica, così come sono facilitati i collegamenti con l’autostrada e la tangenziale, grazie alla presenza di arterie a veloce scorrimento.

Il sobborgo Costa – Saragozza

Il rione Costa – Saragozza è un fantastico quartiere circondato da colline e di grande importanza storica e preistorica.

In questa zona, di grande estensione territoriale, si possono osservare zone morfologicamente distinte ed edifici appartenenti a diverse epoche: si va dalle ville liberty e palazzi signorili ad edifici innalzati tra gli anni ’30 e ’70 e fino a costruzioni più semplici.

I paesaggi mozzafiato ed il famoso portico che, da via Saragozza conduce fino al santuario di San Luca, rendono questo territorio ancora più armonioso ed interessante.

Attenzione però: il mercato immobiliare di questo rione e, specialmente, quello che interessa il semi-borgo di Saragozza (per la qualità degli edifici e la presenza di eleganti ville e condomini), ha valori più elevati rispetto a quello di altri quartieri fuori porta, data la sua rilevanza territoriale.

Zone verdi, viste, ma anche lo stadio e la famosa torre di Maratona caratterizzano questo meraviglioso quartiere che ha tanto da offrire.

 

Piaciuto questo articolo?