Ristoranti Siena: la Guida a Prova di Studente
come fare foto ad una stanza da affittare
Stanza da affittare? 5 trucchi per fare foto perfette

5 domande da fare quando cerchi un inquilino

  • luglio 05, 2017
  • di Redazione
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

La convivenza tra inquilini? Può essere un’esperienza bellissima o davvero difficile: tutto dipende dalla capacità di trovare il giusto compagno di viaggio. Condividere il proprio spazio abitativo con altre persone, infatti, può comportare molti problemi quando non si riesce a trovare una persona dallo stile di vita compatibile con il proprio. Abitudini incomprensibili, caratteri incompatibili, esigenze diverse: ogni aspetto può contribuire a trasformare la convivenza in un piccolo inferno domestico. Per evitare di ritrovarsi a combattere una piccola guerra tra le mura di casa, quindi, è meglio pianificare un’accurata selezione del proprio inquilino. E’ importante rispettare le aree comuni (vedi la nostra guida sugli elettrodomestici in comune ) e quelle private, ecco cinque domande che devi chiedere quando sei alla ricerca di un coinquilino.

1) E’ la tua prima convivenza? Sei una matricola?

Come ogni esperienza di vita, anche la convivenza necessita di particolari capacità che possono essere affinate con l’esperienza. Predisposizione al dialogo, discrezione, doti di comprensione: a volte, gestire un rapporto pacifico con i propri coinquilini equivale a mettere in campo tutte le proprie qualità diplomatiche. Se questa è la tua prima esperienza in fatto di convivenza con un estraneo, quindi, parti dal presupposto che anche tu dovrai modificare in parte le tue abitudini per renderle compatibili a quelle di una persona nuova, che avrà i tuoi stessi diritti e gli stessi doveri all’interno degli spazi comuni. Il segreto? Riuscire a distinguere le esigenze imprescindibili dagli aspetti che potresti limare in nome di un’esperienza più serena e gratificante per tutti. La parola d’ordine è ‘trasparenza’: metti in chiaro fin dal primo colloquio con il tuo aspirante coinquilino quali sono le cose per te importanti e quali, invece, quelle per cui potresti chiudere un occhio. Esercitare la tua flessibilità, inoltre, renderà sicuramente la ricerca dell’inquilino perfetto molto più semplice.

2) Cosa studi e quali sono i tuoi interessi?

Anche la scelta di un inquilino deve essere orientata da alcune basilari accortezze che non possono essere trascurate. Pensaci bene: si tratta di condividere per lungo tempo la tua dimensione più intima – cioè quella domestica – con una persona che non conosci e che non ti conosce. Adattarsi alle reciproche abitudini sarà molto più semplice, infatti, se la convivenza parte da qualche aspetto importante capace di accomunare le vostre vite. Per prima cosa fatti qualche domanda sugli aspetti più importanti della tua personalità. Sei un musicista e hai bisogno di esercitarti a lungo? Forse condividere la casa con uno studente abituato a ricercare il silenzio per studiare non è la scelta giusta: sarebbe meglio un lavoratore che trascorre in ufficio le ore cruciali della sua giornata. Necessità di vita simili e interessi compatibili saranno le giuste carte per far funzionare meglio questa nuova esperienza. Delinea il tuo identikit e tienilo sempre in mente prima di scegliere, usandolo come guida quando sarai sul punto di cercare con chi convivere.

3) Fumatore o non fumatore?

Un aspetto da non sottovalutare nella ricerca di un coinquilino è quello della difficile convivenza tra fumatori e non fumatori. Chi fuma (e non ha intenzione di smettere) sarà infatti alla perenne ricerca di un modo per farlo tranquillamente dentro casa, magari dopo i pasti o agli orari più improbabili. I non fumatori, viceversa, non si rassegneranno mai al perenne odore di nicotina che aleggia nella casa di un fumatore. La convivenza tra fumatori e non sarà sempre molto difficile da far funzionare: che tu appartenga all’una o all’altra categoria, quindi, ricordati sempre di indagare su questo aspetto prima di decidere con chi condividere il tuo spazio abitativo: potresti renderti conto delle difficoltà solo in un secondo momento, a convivenza iniziata.

4) Cosa ti piace fare nel tempo libero?

Chi ha detto che un inquilino debba essere solo un estraneo con il quale si dividono le bollette? Se la scelta ricade sulla persona giusta e i vostri stili di vita sono davvero compatibili, potrebbe anche nascere una bella amicizia. Il modo migliore per farlo accadere è senza dubbio quello di condividere qualche serata di divertimento, magari portandolo a una piacevole serata musicale in quel localino che ti piace tanto. Ovviamente, però, dovrai accertarti che i vostri gusti in fatto di svaghi siano simili e compatibili. Anche in questo caso, quindi, giocare d’anticipo e informarti bene sugli hobby e gli interessi del tuo aspirante coinquilino potrebbe evitare il nascere di molte incomprensioni e malintesi. Cerca sempre, con educazione e rispetto, di approfondire prima gli aspetti relativi alle sue abitudini in fatto di hobby e frequentazioni. Potreste entrambi ampliare il vostro giro di amicizie e conoscere qualche nuovo locale da frequentare insieme.

5) Single o fidanzato? Fratelli e sorelle in città?

Ogni persona ha attorno a sé un universo di rapporti importanti che si porta dietro ovunque vada. Amici, amiche, parenti ma soprattutto partner e relazioni affettive: prima di condividere gli spazi con qualcuno, fai presente e cerca di capire a tua volta quali sono le rispettive situazioni sentimentali. Se sei fidanzato/a o lo è il tuo potenziale inquilino, infatti, devi tenere presente che spesso sarete costretti a condividere gli spazi con i rispettivi partner. La questione potrebbe esercitare conseguenze sui vostri stili di vita, specialmente se si tratta di relazioni con persone che non abitano in città e potrebbero necessitare di ospitalità notturna durante le visite. Anche in questo caso la situazione può essere gestita in modo ottimale solo affrontando la questione con trasparenza e chiarezza: orari di utilizzo del bagno, suddivisione delle spese e frequentazione degli spazi comuni sono solo alcuni degli aspetti da tenere in considerazione prima di arrivare a un accordo.

La ricerca di un inquilino, quindi, potrebbe rivelarsi più difficile della scelta della stessa casa. Precauzioni e accortezze non sono mai troppe, ma sarà utile tenere a mente soprattutto un consiglio: prima di pretendere dal prossimo tutte le doti di un inquilino perfetto, cerca sempre di offrire altrettanto rispetto, flessibilità e comprensione.

Piaciuto questo articolo?